Enogastronomia, Eventi

Santa Cecilia inizia l’avvento con le pettole

Santa Cecilia inizia l’avvento con le pettole

Una tradizione molto sentita al Sud e in special modo nella città di Taranto

Nata da un fraintendimento la festa di Santa Cecilia è cresciuta nel tempo fino a sostituirsi alla presentazione della Beata Vergine al tempio. Un evento che cade il giorno prima, il 21 novembre e che segna l’inizio dell’Avvento. Ma a Taranto e in molte altre località del meridione lo si fa coincidere col mattino seguente, il 22, quello dedicato alla martire Cecilia. La festa si sviluppa attorno ad un evento rituale che ha a che fare con la pastorizia. I pastori abruzzesi di ritorno dalla transumanza, segnalavano la presenza delle loro greggi, col suono delle loro pive e ciaramelle. Santa Cecilia inizia l’avvento con le pettole

Musica come collante

Proprio la musica fa da collegamento ai due eventi, il ritorno dei pastori e la festa dedicata a Santa Cecilia protettrice dei musicisti. La notte tra il 21 e il 22 viene passata in bianco da molti tarantini. Verso le tre del mattino le varie pastorali con cornamuse, ciaramelle e zampogne cominciavano a diffondere i loro suoni per le vie e svegliavano la città. Le melodie natalizie facevano da colonna sonora e davano il via ai momenti che accompagnano le Feste. Erano il simbolo dell’avvio del periodo natalizio e per molti segna ancora il momento in cui addobbare l’albero di Natale.

Santa Cecilia inizia l’avvento con le pettole

Ora sono le bande

Le pastorali dei pastori abruzzesi ora sono sostituite dalle bande musicali. La musica infatti, non può mai mancare, nella notte dedicata alla protettrice di tutti i musicisti e degli strumenti musicali. I pastori al rientro in città, chiedevano cibo, in cambio delle loro melodie, e anche questa tradizione è rimasta. Nella notte vengono offerte le pettole, frittelle di pasta di pane, fritte nell’olio, che possono essere ripassate nello zucchero, nella cannella o nel sale. Possono anche essere farcite col baccalà o altri ingredienti a seconda del gusto locale. Ogni casa per festeggiare offre a passanti vicini, amici, queste appetitose e croccanti frittelle. Non è raro che qualcuno le frigga direttamente in strada per offrirle ancora bollenti e dare maggior vigore alla festa.

La festa continua

La festa prosegue per tutto il giorno e a sera la statua della santa esce in processione, accompagnata dai residenti e dai turisti. Il percorso prevede l’uscita di Santa Cecilia dalla Cattedrale di San Cataldo e percorre tutta la città vecchia. I tarantini possono così dire che il loro è il Natale più lungo, perché inizia in anticipo rispetto all’8 dicembre giorno dell’Immacolata. La leggenda vuole che Santa Cecilia venisse martirizzata e condannata a morte per asfissia. Ma anziché morire asfissiata continuò a cantare lodi a Dio. Da questo evento deriva il collegamento con la musica. Santa Cecilia inizia l’avvento con le pettole.

Santa Cecilia inizia l’avvento con le pettole

Credits: Pixabay

Summary
Santa Cecilia inizia l’avvento con le pettole
Article Name
Santa Cecilia inizia l’avvento con le pettole
Description
Santa Cecilia inizia l’avvento con le pettole onorando la protettrice della musica e dei musicisti con una festa popolare
Author
Publisher Name
Olab
Publisher Logo